Continua a leggere

Vite di carta

Trama

Cos’è la vita vera? Quella di Carl è fatta di personaggi inventati. Bizzarre creature parlanti che sembrano uscite da un fumetto. Carl è un Timed, dotato di una super-empatia che lo rende in grado di entrare in contatto con i ricordi altrui e renderli reali.

Ma i ricordi, quelli che tormentano Carl, lo hanno raggiunto anche dove ora lui si nasconde, ai confini estremi dell’Irlanda. Quelli di sua moglie, della sua vita passata, che vorrebbe riassaporare prima di morire e verso cui si mette in viaggio, insieme alla sua stramba compagnia, per l’ultima volta.

Continua a leggere

Questo canto selvaggio

Trama

Per anni Verity City è stata teatro di crimini e attentati, finché ogni episodio di violenza ha cominciato a generare mostri, creature d’ombra appartenenti a tre stirpi: i Corsai e i Malchai, avidi di carne e sangue umani, e i Sunai, più potenti, che come implacabili angeli vendicatori con il loro canto seducente catturano e divorano l’anima di chi si sia macchiato di gravi crimini.

Ora la città è attraversata da un muro che separa due mondi inconciliabili e difende una fragile tregua: al Nord lo spietato Callum Harker offre ai ricchi protezione in cambio di denaro, mentre al Sud Henry Flynn, che ha perso la famiglia nella guerra civile, si è messo a capo di un corpo di volontari pronti a dare la vita pur di difendere i concittadini e ha accolto come figli tre Sunai.

In caso di guerra la leva più efficace per trattare con Harker sarebbe la figlia. Così August, il più giovane Sunai, si iscrive in incognito alla stessa accademia di Kate per tenerla sotto controllo. Ma lei, irrequieta, implacabile e decisa a tutto pur di dimostrare al padre di essere sua degna erede, non è un’ingenua…

Continua a leggere

La lingua geniale

La mia verità era quella di ogni studente, zelante o meno, quando frequenta la scuola: il greco è una materia (= devo studiarla, anche se ho scelto io il classico, e questo comunque giorno più giorno meno mi annoia).

E in fin dei conti ci sta anche. A 15/17 anni non credi che il greco, o qualunque altra materia, sia una delle cose fondamentali della tua esistenza.